Alice nella Città
Follow us   
Main sponsor   
15/25 October 2020 alice nella città

Kajillionaire - La truffa è di famiglia

Opera singolare e colorata sul mondo degli imbrogli; un film diverso, bizzarro, in cui i legami sono raccontati tramite un attaccamento al materiale perverso e cattivo.

 

Kajillionaire - La truffa è di famiglia


Opera singolare e colorata sul mondo degli imbrogli; un film diverso, bizzarro, in cui i legami sono raccontati tramite un attaccamento al materiale perverso e cattivo.

Kajillionaire, la trama

Una famiglia di imbroglioni, Robert (Richard Jenkins), Theresa (Debra Winger) e la figlia Old Dolio (la Evan Rachel Wood di Westworld) lottano per cavarsela, progettando truffe sempre più assurde che non sembrano mai avere una ricompensa sufficiente per farli rimanere a galla. Finché, durante una delle loro messe in scena, non incontrano Melanie (la Gina Rodriguez di Jane the Virgin), patita della saga di Ocean. Mentre stanno pianificando un’impresa, i genitori sembrano affezionarsi alla nuova arrivata, a parte Old Dolio che vede in lei una minaccia alla loro unità familiare. La presenza di Melanie non solo sconvolgerà i loro piani, ma anche il loro mondo.

Il mondo degli imbrogli

E’ un’opera singolare e colorata quella di Miranda July. L’eccentrica famiglia, che ci presenta ad una fermata dell’autobus, in attesa di un orario per fare qualcosa di singolare, è guidata da due genitori sfatti, disordinati e trascurati. A loro si aggiunge la figlia, interpretata da una grandiosa Evan Rachel Wood, che trascorre le sue giornate trascinandosi dietro ai genitori e facendo tutto ciò che le chiedono. La vita familiare è semplice. Alzarsi, nascondersi dall’affittuario assumendo pose bizzarre e trovare nuovi modi per guadagnare. La circolarità di queste giornate, dedite all’imbroglio e alla truffa, si spezza nel momento in cui l’infelice Old Dolio comincia a mettersi in discussione in mezzo al vero mondo. Provata dall’insoddisfazione, dal non ricevere affetto e dalla solitudine in vestiti troppo grandi e capelli troppo lunghi, Old Dolio vive la sua frustrazione passivamente finché nella sua vita entra la splendente Melanie. 

Kajillionaire è un film diverso, a tratti bizzarro, in cui i legami interpersonali sono raccontati tramite un attaccamento al materiale perverso e cattivo. Vivendo una vita fatta di menzogne, unicamente volta all’arricchimento, Robert e Theresa sono due genitori che hanno abbandonato la propria figlia fin dal momento della sua nascita. Lo stesso nome della ragazza, Old Dolio, si scoprirà essere legato a uno dei tanti metodi di arricchimento dei due. L’ennesima dimostrazione dell’amore provato per la ragazza.

Kajillionaire: lo stile di Miranda July

La sceneggiatura della July è particolarmente efficace. Il bizzarro, la malinconia, la solitudine e l’ossessione sono legate alla tragedia nera propria dell’ironia. Si ride amaramente e si prova un senso di frustrazione assieme a Old Dolio. Non c’è spazio per il patetico o per la rabbia. La vita di Old Dolio è ingiusta e si osserva la ragazza in silenzio, attendendo che viva le proprie emozioni e la propria vita. Emblematica, scontrosa e taciturna, Old Dolio subisce il prezzo di uno stile di vita che non ha scelto, reprimendo se stessa fino al momento dell’esplosione. Kajillionaire, utilizzando una fotografia splendente e a tratti finta come la vita di questi genitori, nasconde la cattiveria di due genitori, provando a farli apparire come tali ma rendendoli subdoli e incomprensibili fino all’ultimo. Ma, forse, quella luminosità rispecchia il mondo interiore di Dolio, una ragazza splendente e piena di vita, in attesa di evadere e sbocciare.

 

Simona Grisolia (Redazione: TAXIDRIVERS)